29 AGOSTO Notte Verde al Parco Villa Guiccioli: i Grandi Alberi raccontano

29 AGOSTO Notte Verde al Parco Villa Guiccioli: i Grandi Alberi raccontano

Un parco storico.
L’apertura serale in esclusiva.
Quattro esperti di natura, benessere, educazione ambientale e creatività a 360 gradi.
E tu.
Che ti divertirai e scoprirai la natura da quattro punti di vista diversi…( e forse di più)

Una proposta per trascorrere una serata nello splendido parco storico di Villa Guiccioli a Vicenza.

Un nuovo modo di osservare la natura tra divertimento e meraviglia.

Proporremo un “assaggio” delle attività a cui dedichiamo le nostre iniziative.
Rigorosamente nella Natura, con la Natura, per la Natura.

Sei invitato ad indossare indumenti comodi e scarpe da trekking.
Le lanterne a led le forniamo noi, ma se vuoi porta con te una torcia.

In questa fase ancora delicata dal punto di vista sanitario, dovremo rispettare alcune regole e precauzioni per la salvaguardia della nostra salute:
• tutti i partecipanti dovranno avere con se mascherina (almeno una) e gel disinfettante per le mani. Le mascherine verranno usate solo quando necessario;
• si dovrà mantenere una distanza di 2 metri durante tutto lo svolgimento della serata (escluse famiglie e conviventi);
• si pagherà portando i soldi contati.

Durata prevista: 2 ore circa.

Livello di difficoltà: Facile

Dati tecnici: percorsi brevi senza dislivello

Ritrovo: ci troviamo alle 19:45 puntuali presso Viale Dieci Giugno, 115, 36100 Vicenza
https://goo.gl/maps/Vf3xexiWJKmBwkWL8

Prezzo: 10 euro
Ragazzi fino 10 anni 5 euro

Prenotazione obbligatoria, tramite email a :cammina.respira.rallenta@gmail.com (lasciatemi il vostro contatto telefonico) o telefono.

Oppure tramite WhatsApp al 339 657 2916 Eleonora

L’evento si realizzerà con un numero minimo di partecipanti.

Guida: Eleonora Cappellari guida ambientale escursionistica AIGAE, regolarmente assicurato e iscritto al registro italiano delle guide ambientali escursionistiche con tessera VE 301. Esercita la professione ai sensi della L. 4/2013.

Lascia un commento